Umberto Veronesi all’Università IULM: «Una persona su due si ammalerà di tumore»

  1. L’oncologo dichiara:«Serve un’alleanza con i media per vincere la sfida contro la malattia. Fondamentale la prevenzione»
  2. CERVELLO-1
  3. Umberto Veronesi e i suoi scienziati, Pier Giuseppe Pelicci e Roberto Orecchia, hanno festeggiato all’Università IULM di Milano i 20 anni di sfida scientifica contro il cancro, con un convegno dal titolo «I media nella lotta al cancro: sette direttori a confronto». Una occasione per proporre un’alleanza tra scienziati e media. “Se tutta la popolazione adottasse uno stile di vita salutare e si avvicinasse in massa alla diagnosi precoce, se i responsabili delle politiche sanitarie e ambientali applicassero tutte le conoscenze e le misure preventive che la ricerca ha messo a disposizione, il cancro sarebbe una malattia sotto controllo»- ha detto Umberto Veronesi. La parola cancro deve essere usata dai mezzi di comunicazione senza ipocrisie, paura o scaramanzie, perché oggi la malattia è curabile. La prevenzione funziona e la gente deve essere informata (e formata) a sentirne parlare di cancro come se si trattasse d’influenza e non di terribile male incurabile. «Cinquant’anni fa si ammalava di tumore un italiano su 30, oggi si ammala uno su 3 e in un futuro prossimo ne resterà colpito uno su 2». Non dimentichiamo che su «20 milioni di italiani che oggi sviluppano un tumore nel corso della loro vita, il 70% dei casi, circa 14 milioni, potrebbero essere salvati con la prevenzione”.

 

Potrebbe piacerti anche...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>